Arte e Musica interpretano la ballata scozzese “Lord Randal” Due alunne del Liceo Artistico danno vita a vere “opere d’arte” studiando la Letteratura inglese

  • gallery

https://mail1.libero.it/appsuite/api/mail/AUD-20190612-WA0020.m4a?action=attachment&folder=default0%2FINBOX&id=65648&attachment=2&user=2&context=12239901&decrypt=&sequence=1&session=a89b9c6091df45aa84280fb8242ac4ab&delivery=view
Il Medioevo: un’epoca affascinante e contraddittoria, luci e ombre al contempo. E’ su questo magico sfondo che sono nate due “opere d’arte”, sapientemente interpretate da due giovani menti, il cui estro ha dato vita a prodotti degni di nota. Risultati ottenuti fra i banchi di scuola, ma in cui la creatività è andata oltre, trasformando la materia di studio in risultati tangibili.
Protagoniste di questa singolare esperienza Gaia Clarizia e Giorgia Loparco, alunne della classe 3 A (indirizzo Architettura e Ambente) del Liceo Artistico “E. Simone” di Brindisi che, guidate dalla prof.ssa Pugliese, docente di Lingua Inglese, nel corso di questi ultimi mesi hanno dato prova delle loro capacità, ispirate dallo studio di una ballata inglese, “Lord Randal”.
Giorgia ha realizzato un dipinto su tela trasmettendo con splendide pennellate di colore l’oscuro mistero del periodo e la magia legata alla morte per avvelenamento del protagonista, punito da una creatura magica custode di quei luoghi.
Gaia, invece, ha dato un’interpretazione in chiave musicale dello stesso componimento, creando arrangiamento e musica dal testo originale. Un lavoro certosino e degno di nota, che ha visto anche il supporto del prof. Ancora, docente di Tecnologie Musicali e di alcuni alunni del Liceo Musicale che si sono offerti di coadiuvare il lavoro: Alessandro Bello, Gerardo Coppola, Pasquale e Gerardo Nisi (3 M).
Entrambi i lavori mettono in gioco varie competenze e sottolineano la formazione e il profilo delle due studentesse, rendendo i docenti orgogliosi di questi risultati che danno prova del lavoro paziente e costante e dell’impegno profuso che viene giustamente ricompensato.
Che dire, allora? Complimenti ad alunni e docenti!

Prof.ssa Sabrina Gorgoni

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *