Mattinata normanna al liceo scientifico Leonardo Leo

  • gallery
  • gallery
  • gallery

Mattinata normanna al liceo scientifico Leonardo Leo
Il rinomato istituto scolastico di San Vito dei Normanni ospita il convegno dedicato al popolo normanno

Dopo una breve presentazione del programma della mattinata a cura del conduttore, dott. Romano sono intervenuti la dirigente scolastica del “Leo”, prof.ssa Carmen Taurino (nella foto), il maresciallo Ruggiero, il comandante dei carabinieri di Brindisi Conforti che ha regalato alla platea un significativo momento di riflessione augurando ai giovani presenti di imparare a discernere le cose importanti della vita, tra cui ha collocato anche la scuola come fonte di conoscenza e formazione. Hanno preso inoltre la parola il primo cittadino Domenico Conte che ha sottolineato l’importanza delle origini e della storia di un popolo in quanto alla base della sua identità: quale migliore occasione se non questa per intonare l’Inno di Mameli, simbolo della nostra unità azionale eseguito dal coro delle Benemerite? Eccoci allora nel vivo della giornata: al rullo di tamburi medioevali ha fatto il suo solenne ingresso in auditorium, una corte normanna con Re, Regina, dame di corte, guardie e giullari, che hanno portato una ventata di allegria tra il pubblico prendendo posto sullo sfondo delle imponenti scenografie medioevali eseguite dagli studenti del Simone-Durano coordinati dalla Professoressa Tatullo. L’avvocato Convertini ha dunque presentato il professor Cuomo che ha presentato la sua interessante relazione “IL REGNO NORMANNO DELL’ITALIA MERIDIONALE” , in cui ha trattato i punti più significativi della storia del regno normanno nell’ Italia meridionale, rispondendo inoltre ad alcune domande poste dagli studenti. La seconda relazione intitolata “Il dono dei Normanni” è stata invece tenuta dall’ex studentessa liceale Rossana Bello.

Il lavoro, svolto negli anni precedenti, dimostra la permanenza di elementi linguistici portati nel sud Italia dai Normanni e ancora presenti nei dialetti dell’Alto Salento. La relazione si è conclusa con una ricerca sui cognomi di origine normanna presenti nella nostra città. A conclusione dell’ intervento si è posto l’accento sugli intensi scambi culturali che caratterizzarono la dominazione normanna, ipotesi supportata da un approfondimento sulla Chanson d’Aspremont, una chanson de geste ambientata in Calabria. Sono stati dunque svelati i nomi dei misteriosi sovrani impersonati dagli studenti liceali: Guglielmo II il Buono e Giovanna d’Inghilterra, alla cui corte venne, probabilmente, recitata, per la prima volta la Chanson d’ Aspremont ad opera dal troviero Ambroise.

Gli studenti del Leo si sono quindi esibiti in danze medioevali e brevi performances ispirate alla chanson de geste che hanno conquistato il pubblico per la loro freschezza e originalità.
Ha fatto seguito la premiazione degli studenti delle scuole primarie e secondarie di I grado del territorio che hanno partecipato al concorso sui normanni indetto dall’ANC. Dopo i ringraziamenti di rito alle autorità intervenute a al pubblico tutto, la bella mattinata si è conclusa con l’ omaggio da parte del Sindaco al Professor Cuomo, di una serie di pregiati documenti riguardanti la storia locale. (Flavia Fusco, studentessa)

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *